04/04/16

Il batuffolo di cotone





C'era una volta un batuffolo di cotone che era uscito dal cuscino di un bambino.
Vedendo il cielo, notò che le nuvole erano bianche bianche, come lui, e decise di diventare una nuvola.
Ma quando il cielo diventò grigio grigio, le nuvole si arrabbiarono cosi tanto che iniziarono a gocciolare pioggia invece il batuffolo di cotone si gonfiò cosi tanto per l'acqua che gli era entrata nel corpo e caddè a terra con la forza di un uragano. 
 - Aia, che male...!
 Quando uscì il sole il batuffolo di cotone ormai asciutto, vagando in giro, vide lì vicino una casa e un giardino fiorito.Lì c'erano delle rose bianche bianche, e decise di diventare una rosa bianca. La gente passava e annusava le belle rose, così facevano anche le farfalle , ma , durante tutto il giorno, nessuna farfalla e nessun uomo si fermarono ad annusare lui. Poteva stare  lì anche cent' anni, era inutile.
 - Oh, che tristezza...!
 Lì vicino alla porta d'ingresso vide un sacco pieno di verdure fresche, fra loro c'erano anche dei fagioli belli tondi e bianchi bianchi e così gli venne un  idea brillante, doveva essere un piccolo fagiolo, così si arrotolo e divenne tondo tondo. Felice dell'idea avuta, entro pian - pianino nel sacco, il quale per mano della signora, finì in cucina. Lei controllo tutta la verdura per farla cuocere, cosi prese il batuffolo di cotone e lo buttò via. Aia, che male...! Era finito nel sacco della l'immondizia. Triste, stanco e deluso decise di tornare da dove era venuto.
 Entrò nel cuscino senza fare rumore. Aveva passato una giornata pesante.
 L'unica cosa che lo consolò fu la voce del bambino che salutando la mamma disse: - ooo, che morbido cuscino...
                                                    ©MC aprile 2016
                                 
La morale secondo mio figlio, Oni (12anni):- Non pensare di cambiare te stesso; ci sara un motivo perchè sei tu.
La morale secondo mia figlia, Tea (7anni):- Non puoi fingere di essere qualcun altro.


Nessun commento:

Posta un commento